• Pirolisi a San Ferdinando, il Tavolo per la Tutela Ambientale informa: “Ancora possibile presentare eventuali osservazioni al progetto”
    Associazioni o cittadini che intedessero opporre motivi ostativi alla realizzazione dell'impianto sono invitati a prendere contatti con il gruppo di lavoro
    30/09/2013 | Pino Romeo, urbanista | Comunicato

    REGGIO CALABRIA – A seguito del gravissimo ritardo con il quale il proponente Tge International spa ed il Comune di San Ferdinando, hanno reso disponibili a soli tre giorni dalla scadenza gli atti progettuali riferiti all’assoggettabilità a Via (Valutazione Impatto Ambientale) per un impianto a pirolisi, il Dipartimento Ambiente della Regione Calabria da noi interrogato in merito, ha reso noto di aver disposto una ulteriore finestra temporale per la presentazione di osservazioni al progetto stesso, da parte dei soggetti interessati. Nel caso in questione, gli atti progettuali sono stati resi noti al pubblico soltanto venerdì 28 giugno, mentre il termine utile per la presentazione delle osservazioni era fissato al lunedì successivo 1 luglio. Ricordiamo che in base alla Convenzione di Arhus e l’accesso alla giustizia in materia ambientale, entrata in vigore nel 2001, il pubblico – in forma privata o di associazione – oltre a richiedere le informazioni ambientali alle autorità che le detengono, può partecipare alle procedure decisionali su progetti e programmi che hanno un impatto ambientale. Invitiamo pertanto le associazioni ed i privati che ravvisassero la necessità di muovere osservazioni al progetto dell’impianto a pirolisi, di contattare urgentemente il Tavolo Tecnico di Tutela Ambientale alla mail: tavolo.ambientale@libero.it